Loading...

Qualcosa di strano

Un trapezio, un bidone e tante piccole storie

Riccardo Strano, dopo aver lavorato per quattro anni nelle strade e nelle piazze del Sud Italia, decide di formarsi presso la FLIC Scuola di Arti Circensi di Torino in cui studia tutte le Arti Circensi, Teatro e Danza e si diploma come Trapezista. Prima di frequentare la scuola torinese prende lezioni di danza classica, segue molti corsi e stage di danza contemporanea con coreografi italiani e francesi e frequenta diversi laboratori teatrali; approfondisce anche lo studio delle arti sceniche sui libri universitari laureandosi in Scienze della Comunicazione con una tesi in semiotica del circo e dello spettacolo. La sua formazione si è plasmata passando attraverso esperienze diversificate. Spaziando dal musical al circo contemporaneo, dal teatro-danza al teatro di strada ha raggiunto consapevolezza sulla scena nelle varie espressioni d’arte.
Nel 2013 è stato eletto nel consiglio direttivo della Federazione Nazionale Arte di Strada in rappresentanza degli artisti di strada italiani presso le istituzioni. È stato direttore artistico di festival ed eventi come “Etna Buskers”, “Notte Bianca di Messina” ed il più prestigioso “OltreNoto” svolto nella cittadina barocca patrimonio dell’UNESCO.
Oggi è uno degli artisti di strada più affermati nel territorio nazionale, infatti in oltre dieci anni è stato ospite nella scena ufficiale dei più importanti festival italiani di circo e arte di strada portando a quota 400 le repliche del suo spettacolo “Qualcosa di Strano”.
L’esperienza sul campo come artista e gli studi teorici lo hanno portato a sviluppare delle competenze specifiche per la direzione di spettacoli di circo contemporaneo  e teatro di strada.

SABATO 10 settembre
ore 11 | ore 17
Piazza del popolo
Arona

  • riccardo strano

QUALCOSA DI STRANO
Un trapezio, un bidone e tante piccole storie si mescolano in numeri di circo per portare il pubblico a conoscere i sogni ed i desideri dell’artista. Uno spettacolo poetico ricco di momenti comici capace di combinare il classico teatro di strada con le sperimentazioni del circo moderno. Uno spettacolo un po “strano” marchiato nel DNA.

QUALCOSA DI STRANO
Spettacolo di circo e arte di strada
di e con Riccardo Strano
produzione Compagnia OnArts

Sostieni il Teatro sull'acqua. Aiuta la cultura.
FAI UNA DONAZIONE

6 - 10 settembre 2017

CULTURA, TEATRO, PAROLA E PASSIONE.

Unicità

Il Teatro sull'Acqua diretto da DACIA MARAINI è l'unico esempio italiano di produzioni teatrali sull'acqua. Si confronta a livello internazionale con l’Opéra on the Lake del Bregenz Festival (Austria) e il Teatro delle Marionette d'Acqua di Hanoi (Vietnam).

Il teatro sotto-sopra

Il Teatro sull’Acqua ama invertire le regole del gioco. Qui la graticcia teatrale non è più vincolata alla soletta del teatro ma sul fondo del lago con i suoi corpi morti, le catene e le cime a cui ancorare le scenografie, quando le scenografie non scorrono ….sull’acqua! E’ un teatro sottosopra, dove cambiare punto di vista è la regola. La nascita di neologismi come nuot-attore oppure rem-attore testimoniano quello che di moderno e inaspettato qui accade.

Partecipazione

Il Teatro sull’Acqua è un progetto di cittadinanza culturale orientato alla produzione artistica, con la partecipazione attiva della comunità locale in sinergia con gli artisti professionisti in residenza. Esprime il genius loci del luogo. Gli stessi luoghi del quotidiano si trasformano: il Vecchio Porto di Arona diventa un anfiteatro romano sull’acqua. I ristoranti, le strade, le piazze e le ville diventano essi stessi teatro. Ogni luogo può essere teatro.

Iscriviti alla newsletter

Numeri, non solo numeri.

un coinvolgimento unico
150+
giovani formati
20
paesi coinvolti
8.000
persone tra incontri e teatro