Loading...

Rondini d’inverno

Einaudi, 2017
Libro di Maurizio De Giovanni: Rondini d’inverno

a Napoli, sono le storie che vengono a cercarti

Rondini d’inverno è il nuovo romanzo del ciclo del commissario Ricciardi, cui Maurizio De Giovanni ha dato vita nel 2005. Ambientate nella Napoli degli anni ’30, le vicende di Ricciardi diventeranno presto un fumetto, e una serie tv, così come è accaduto per l'altro ciclo noir ideato da De Giovanni, I bastardi di Pizzofalcone, che ha per protagonista l’ispettore Lojacono, interpretato da Alessandro Gassman. Questo nuovo episodio ha come riferimento la melodia di Rondinella, famosa canzone napoletana: perché, come dice l'autore, “a Napoli, sono le storie che vengono a cercarti, e se non sei scrittore, puoi sempre fare il neomelodico”.

Maurizio de Giovanni nasce nel 1958 a Napoli, dove vive e lavora, è uno scrittore di romanzi gialli. Pubblica con Fandango i primi romanzi della serie del commissario Ricciardi: Il senso del dolore. L’inverno del commissario Ricciardi (2006), La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi (2008), Il posto di ognuno. L’estate del commissario Ricciardi (2009), Il giorno dei morti. L’autunno del commissario Ricciardi (2010). Il 2012 è l’anno di inizio del ciclo dell’ispettore Lojacono con Il metodo del coccodrillo (Mondadori), cui seguono I bastardi di Pizzofalcone (Einaudi, 2013), Gelo per i bastardi di Pizzofalcone (Einaudi, 2014) e Vita quotidiana dei Bastardi di Pizzofalcone (Einaudi, 2017). Nel 2017 pubblica sempre con Einaudi Rondini d’inverno, e con Rizzoli I Guardiani. Tutti i suoi libri sono tradotti o in corso di traduzione in Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, Russia, Danimarca e Stati Uniti. De Giovanni è anche autore di racconti a tema calcistico sulla squadra della sua città, della quale è visceralmente tifoso, e di opere teatrali. Fa parte del gruppo di scrittori che conducono il laboratorio di scrittura con i ragazzi reclusi nell’Istituto Penale Minorile di Nisida.

DOMENICA 10 SETTEMBRE
ORE 17:00
Piazza San Graziano - Arona

  • Maurizio De Giovanni: Rondini d’inverno
Sostieni il Teatro sull'acqua. Aiuta la cultura.
FAI UNA DONAZIONE

6 - 10 settembre 2017

CULTURA, TEATRO, PAROLA E PASSIONE.

Unicità

Il Teatro sull'Acqua diretto da DACIA MARAINI è l'unico esempio italiano di produzioni teatrali sull'acqua. Si confronta a livello internazionale con l’Opéra on the Lake del Bregenz Festival (Austria) e il Teatro delle Marionette d'Acqua di Hanoi (Vietnam).

Il teatro sotto-sopra

Il Teatro sull’Acqua ama invertire le regole del gioco. Qui la graticcia teatrale non è più vincolata alla soletta del teatro ma sul fondo del lago con i suoi corpi morti, le catene e le cime a cui ancorare le scenografie, quando le scenografie non scorrono ….sull’acqua! E’ un teatro sottosopra, dove cambiare punto di vista è la regola. La nascita di neologismi come nuot-attore oppure rem-attore testimoniano quello che di moderno e inaspettato qui accade.

Partecipazione

Il Teatro sull’Acqua è un progetto di cittadinanza culturale orientato alla produzione artistica, con la partecipazione attiva della comunità locale in sinergia con gli artisti professionisti in residenza. Esprime il genius loci del luogo. Gli stessi luoghi del quotidiano si trasformano: il Vecchio Porto di Arona diventa un anfiteatro romano sull’acqua. I ristoranti, le strade, le piazze e le ville diventano essi stessi teatro. Ogni luogo può essere teatro.

Iscriviti alla newsletter

Numeri, non solo numeri.

un coinvolgimento unico
150+
giovani formati
20
paesi coinvolti
8.000
persone tra incontri e teatro